Relazione gestionale

Relazione gestionale al 1 semestre 2020

Questo documento intende presentare in modo sintetico alcuni dati gestionali ed informare circa le attività in corso a cura della nostra organizzazione di volontariato. Lo scopo è fornire una visione indicativa del contesto in cui l’associazione si muove e di quali iniziative, correnti o previste, sia costituita

Sintesi dei principali dati gestionali

La situazione economica rileva un risultato positivo, a giugno 2020, anche dovuto alla decisione di non attivare ulteriori attività, ma consolidare quanto iniziato.

Nel 2019 le raccolte fondi sono state pari a circa 40.000 euro, aumentate rispetto al 2018. Le donazioni personali si confermano quale maggior fonte di entrata, in aumento rispetto all’anno precedente.

Tutte le attività sono portate avanti dai soci e sostenitori dell’associazione, su completa base volontaria. Il 97,7% delle donazioni è destinata alle attività progettuali, ed Il restante 2,3% è utilizzato per spese di gestione operativa e campagne di informazione e sensibilizzazione.

Non avendo entrate economiche certe, condizione tipica di una organizzazione di volontariato senza fini di lucro, permane la natura episodica della raccolta fondi che comporta una rigorosa gestione delle risorse ed una estrema cura nella scelta degli impieghi. Il punto si configura come un evidente rischio, con forti impatti sulla progettualità di nuove iniziative.

Contributi e donazioni

Sono stati organizzati due eventi di raccolta fondi: il festival musicale KasBaKas, organizzato e gestito dai volontari di TOADD con il contributo di artisti esterni, e TOADDxMAS, evento natalizio di fine anno. TOADD ha inoltre aderito al programma Charity della Maratona 2020 di Torino, organizzata dall’associazione Base Running, con l’associazione Rete del Dono. Gli eventi hanno generato una entrata di circa 17.000 euro

Nel 2019, 182 donatori hanno sostenuto le attività dell’associazione, con donazioni personali a vario titolo.

In occasione di eventi personali o sociali, quali anniversari, ricorrenze e altro, alcune dedicate raccolte fondi hanno generato donazioni circa 6.000 euro.

 Per il 5×1000, sono pervenuti un totale di circa 11.000 euro pe gli anni dal 2017 al 2019

Le donazioni indirizzate ai sostegni a distanza non sono incrementate e si nota una certa difficoltà nel mantenere versamenti stabili da parte di chi ha aderito nel passato a tale iniziativa.

Altri proventi derivano da donazioni estemporanee, anche di carattere straordinario, che non potranno essere perciò considerati ripetibili.

Principali attività

Nel 2019, il festival musicale KasBaKas, organizzato a Torino e gestito dai volontari TOADD, ha raccolto adesioni da riconosciuti artisti a livello locale ed internazionale: lo storico gruppo dei Mau Mau, la cantante Saga Anglana, gli attori non professionisti del Collettivo COP.  A questi si aggiunge l’ospitalità, anche economica, ottenuta dalla Cascina Roccafranca di Torino. La spesa dell’evento è stata di 5.000 euro circa.

A fine 2019, l’evento di fine anno TOADDxMAS , con il mercatino etiope organizzato e gestito dai volontari, ha avuto una spesa di circa 2.500 euro, per acquisto materiali, affitto locali ed ingaggio artistico del gruppo Accordi e Disaccordi.

Nel 2019, il progetto della scuolina di Addis, condotto in loco dalla associazione etiopica ENPA di Addis Abeba, ha assorbito in modo rilevante risorse economiche ed umane. A tale progetto è stato dedicata la maggior parte delle uscite economiche annuali, per un totale di circa 37.000 euro. La somma è composta da un contributo continuo mensile, per le attività correnti della scuolina, e straordinario, pari al 30% del totale, per le attività di costruzione e predisposizione dei locali della nuova ala della scuola, inaugurata nel 2019. La nuova sede si compone di un ufficio, tre classi, un’aula di formazione informatica, una camerata con 40 posti letto per bambini, una stanza per biblioteca, una sala da pranzo / sala riunioni, una cucina , un piccolo negozio di articoli da cucina, otto bagni e due docce in costruzione (quasi il 50% ultimato), la recinzione esterna per una superficie extra di oltre 1.800 metri quadrati.

 A fine 2019 sono circa duecento gli scolari che frequentano, con un forte aumento rispetto al 2018. Considerando le normative COVID in Etiopia, oltre alla nuova sede, continua ad essere usata anche la precedente, per gestire un massimo di 25 scolari per classe.

Ad inizio 2020, le persone impiegate presso la scuolina sono venticinque, tra personale docente e di servizio, con un incremento rispetto al 2019 dovuto al maggior numeri di scolari.

Nel primo semestre 2020, come sostegno nel periodo pandemico, sono state distribuiti prodotti alimentari e sanitari per più di 300 famiglie.

Ulteriori iniziative sono state:

  • L’apertura di una piccola attività agricola, semina di ortaggi e piante da frutta, nello spazio prospicente la nuova sede scolastica.
  • L’offerta di cibo da asporto, disponibile utilizzando la cucina scolastica, per offrire injera (piatto principale etiope a base di farine locali). L’attività è attualmente interrotta causa COVID.

Sono continuate diverse attività, come parte del progetto scolastico, perché importanti nel rafforzare il legame con gli scolari che stanno ora frequentando le scuole elementari e superiori, dopo essere stati ospitati alla scuolina.

  • Club di musica per bambini e giovani
  • Football club per ragazzi di età inferiore ai 15 anni
  • Club teatrale giovanile
  • Art club

Ad inizio 2019 è stato avviato il progetto di “Una speranza per Frehiwot”, che ha comportato un notevole sforzo organizzativo ed impegno di risorse umane ed economiche. A tal fine una campagna di raccolta fondi dedicata, sviluppata online con l’associazione Buonacausa (https://buonacausa.org/cause/una-speranza-per-frehiwot) , ha avuto un ritorno economico di circa 7.500 euro, totalmente impiegati per i viaggi tra l’Italia e l’Etiopia della piccola Frehiwot e della madre, del loro soggiorno e mantenimento in Italia , durato quattro mesi, e da impieghi correlati. Si ricorda che sia l’Ospedale Bambin Gesù di Roma, la “Residenza Casa di Kim” di Roma ed alcuni volontari hanno operato senza oneri economici, al netto delle spese legate a necessità quotidiane. L’associazione ha comunque deciso di contribuire alle spese di mantenimento della bimba e della madre, destinando alla residenza ospitante Residenza Casa di Kim circa 1.800 euro.

Il programma di sostegno a distanza, iniziato nel 2014, continua ad essere indirizzato agli ospiti della scuolina. Nel 2019 il progetto è stato sostenuto con circa 11.000 euro, come partecipazione ai costi delle attività quotidiane, servizi educativi, mensa ed accessori.

Il progetto “Il sorriso di Francesca”, sostenuto da un gruppo di persone in memoria della loro amica Francesca, con circa 3.000 euro nel 2019 e 5.000 euro nel 2020 ha permesso l’acquisto di sette sedie a rotelle, per alcuni scolari disabili della scuolina, e di materiale sanitario ed igienico per i bambini e le relative famiglie. Inoltre parte dei fondi disponibili al progetto sono stati dedicati ad “Una speranza per Frehiwot”.

Nel 2020, TOADD ha aderito al programma Charity della Maratona di Torino, organizzata dall’associazione Base Running, con l’associazione Rete del Dono, ottenendo un buon risultato in termini di contatti e di raccolta fondi. La maratona è stata spostata a data da definire, stante la situazione pandemica in corso.

La presenza sui canali social è gestita a “best effort”, con competenze interne all’associazione, con una pagina facebook www.facebook.com/scuolinadiaddis e un sito web www.toaddonlus.org. Le visite alla pagina ed al sito sono sostanzialmente stabili nel tempo, con picchi durante le campagne o in prossimità degli eventi organizzati durante l’anno.

Nel 2019, TOADD è stata qualificata da Facebook quale Organizzazione No Profit. Di conseguenza, direttamente dalla pagina www.facebook.com/scuolinadiaddis è possibile effettuare una donazione con l’uso della carta di credito. 

Cosa si prevede per il triennio 2020-2023

Alla data di stesura della relazione, la riforma del terzo settore, cioè il complesso di norme che ha riformato il no profit e l’impresa sociale non è stato ancora completata, in quanto non sono stati emanati tutti gli atti previsti dai decreti legislativi di attuazione della legge delega 106/2016. Gli impatti sulle attività potranno quindi essere valutati a completa definizione della riforma, in termini di opportunità e/o ulteriori carichi gestionali.

Le linee di intervento per il 2020 ed il triennio successivo perseguono in continuità, rispetto a quanto impostato negli anni precedenti.

Il progetto “Scuolina di Addis”, con il contorno delle attività connesse indirizzate alle famiglie dei bambini ed alla intera comunità rurale locale, rimane la principale iniziativa.

Tutte le attività verranno confermate e perseguite in base alla situazione pandemica corrente e futura.

 Scuolina di Addis

Si prevede di mantenere allo stesso livello il contributo economico annuale alla “Scuolina di Addis” e di accantonare fondi in entrata oppure utilizzare disponibilità di cassa per eventuali attività urgenti, ad oggi non prevedibili. Si stima di ampliare ulteriormente la nuova sede della scuolina, utilizzando ulteriore spazio reso disponibile dalle Autorità locali. Si prevede inoltre di attivare un progetto di un allevamento di pollame ed annesse attività casearie. L’attività potrà avere inizio in base ai permessi delle Autorità ed a completamento delle opere in corso nella nuova sede della scuolina, amiche che dal punto di vista burocratico.

Ulteriori iniziative a lungo termine, ancora in fase di ideazione ed inizio progetto nel prossimo triennio:

  • un centro di fisioterapia per bambini disabili
  • un centro di formazione per lo sviluppo formativo e socio culturale per donne e famiglie povere
  • Una biblioteca per i giovani
  • Una clinica di livello medio che possa essere utilizzata dalla comunità circostante
  • Un orfanotrofio / collegio

Una speranza per Frehiwot

Per il 2020 continua il progetto di sostegno “Una speranza per Frehiwot”, che comporta una ulteriore periodo di ospedalizzazione in Italia per la piccola, con un forte impegno logistico ed organizzativo, stante la situazione pandemica in corso. Contatti con altre organizzazioni umanitarie italiane sono in corso e verranno perseguite in maniera prioritaria al fine di definire una assistenza continua nel tempo alla piccola.

Marketing e Comunicazione

La comunicazione è fortemente basata sulle relazioni personali dei soci e sostenitori. Nella seconda parte del 2020 e per l’anno seguente si prevede di realizzare un progetto di comunicazione e marketing al fine di fare visibilità all’associazione TOADD, anche al di fuori dei consueti canali di comunicazione e relazione personale, aumentando la presenza sui canali social e perseguendo campagne marketing online a basso costo. Campagne ad hoc verranno progettate per sostenere il programma dei sostegni a distanza.

Share this...
Share on Facebook
Facebook